Libera a Genova: la memoria, l’impegno, la strada che rinasce

Questo è un post dichiaratamente di parte: seguo e stimo don Luigi Ciotti da tantissimi anni, fin da quando era conosciuto solo per il suo impegno con il Gruppo Abele, e penso che pochi sacerdoti e personaggi pubblici in Italia abbiano il suo carisma, la sua capacità di parlare diritto al cuore, la sua parresia.

Libera, “Associazioni nomi e numeri contro le mafie”, è nata nel 1995 da un’intuizione di don Ciotti e ha saputo riunire e coordinare il meglio dell’associazionismo italiano, mobilitando grandissime energie – in particolare, tra i giovani – per unire la memoria di tutte le vittime delle mafie e l’impegno quotidiano per la legalità.

Ogni anno, la primavera si apre con la Giornata della Memoria e dell’Impegno, che mette assieme momenti di grande impatto simbolico, come la marcia di migliaia di persone, strette attorno ai familiari delle vittime, e la lettura dei 900 nomi delle vittime di mafia conosciute, con spunti molto concreti di formazione e di confronto, attorno a un tema.

Ieri, a Genova, c’ero anch’io, assieme a tanti amici di Libera Milano: mi sono sentito a casa e ho fatto il pieno di buone energie e di fiducia nel cambiamento possibile, nonostante le zone grigie e le complicità di cui continuano a godere le mafie in Italia. Le agenzie di stampa hanno dato conto del discorso commosso di don Ciotti al Porto Antico, delle sue denunce e dei suoi richiami all’impegno nella quotidianità, perché le parole ormai sono stanche, e non possono bastare.

Vorrei dire qui due parole sul seminario tematico al quale ho partecipato nel pomeriggio, dedicato alle buone pratiche nel riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alla mafia, applicando la benemerita legge 109 del 1996. Vi ho appreso che l’Agenzia Nazionale per i beni confiscati conta solo 30 (trenta!) dipendenti in tutta Italia, che meno della metà dei beni immobili trova un effettivo riutilizzo a fini sociali, spesso per la presenza di ipoteche bancarie, e che purtroppo il 90% delle società sottoposte a sequestro finiscono per essere inattive, ferme oppure fallite. Ho ascoltato i racconti e le testimonianze appassionate di persone come Franco La Torre (figlio di Pio e impegnato in Libera e nel network FLARE) o come Francesco Menditto, magistrato in Abruzzo e grande esperto di beni confiscati. Ho apprezzato l’entusiasmo di Claudio Oliva, responsabile di Job Centre a Genova e attivissimo nel progetto di “rinascita creativa” dello storico quartiere della Maddalena.

Più di tutti, però, mi hanno colpito l’entusiasmo e la passione di Daniela De Martini, della cooperativa sociale “Il pane e le rose” di Genova: Daniela, dal 26 gennaio scorso, è la responsabile della bottega “In scià stradda“, sorta in un “basso” della Maddalena, un bene confiscato e restituito a un meritorio scopo sociale.
Ascoltare Daniela, la passione con cui ha sottolineato il grande valore della bottega “nella strada” della Maddalena e dei prodotti – di Libera Terra, del commercio equo e solidale, dell’economia carceraria – che vi si vendono, sentire tutta l’emozione nella sua voce mentre diceva: “Non mi interessa che il terreno agricolo bruciato si trovi a 800 km da qui, perché quella è casa mia” è stato molto coinvolgente e toccante, e può essere difficilmente raccontato a parole (si può raccontare la forza di un groppo in gola o l’intensità di un applauso che vorrebbe essere un abbraccio collettivo?). Ma è stato importante, decisivo, per tornare a casa con un entusiasmo rinnovato e rinforzato.

L’Italia è piena di “zone grigie”, di persone che “tengono famiglia”, di funzionari pubblici che non vedono irregolarità o che accomodano pratiche, di stimati professionisti che forniscono pareri e consulenze a poco stimabili criminali: questo è uno dei motivi – assieme alla presenza delle mafie, all’incertezza del diritto e alla carenza di infrastrutture – che tengono tanti investitori stranieri lontani dal nostro Paese. Mentre le mafie dell’Est Europa vi sbarcano con successo e vi ottengono fatturati sempre crescenti, stringendo alleanze con le mafie italiane, di cui siamo esportatori – assai poco fieri – da decenni.
C’è molto lavoro da fare, a partire dall’emanazione di buone leggi e dalla loro costante applicazione. Eppure, con don Ciotti, credo che il contributo più importante possa venire dall’impegno quotidiano, di tutti i cittadini italiani, nel sentire come “cosa nostra” la memoria di tutte le vittime innocenti di mafia e come “casa nostra” ogni pezzetto di questo Paese, specialmente quelli più disastrati, dimenticati, maltrattati.
Tutti assieme, ce la possiamo fare. Perché, come diceva Peppino Impastato, la mafia è una montagna, sì, ma una montagna di merda.

One thought on “Libera a Genova: la memoria, l’impegno, la strada che rinasce

  1. Purtroppo non ho visto Genova (poco prima) del primo giorno di Primavera.
    E’ sicuramente necessario incontrarsi in questi avvenimenti, per riconoscersi e per condividere giornate che vadano oltre singole iniziative o riunioni “chiuse”. Per questo motivo mi è spiaciuto non esserci.

    Ma, come diche anche Claudio, fondamentalmente la lotta alle mafie passa per i comportamenti quotidiani, dal tenere la schiena dritta e dal non considerare dovuto il favore a un amico o a un parente. Credo sia proprio questa la maggiore difficoltà per un politico: non solo evitare qualsiasi rapporto con gente “d’onore”, ma svolgere il proprio compito escludendo l’italiana pratica del favore per conoscenza. Certo, è cosa ben diversa dalla ‘ndrangheta, ma la logica sottostante rimane la medesima.

    Luca Gariboldi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...