Egitto – people have the power

E’ stata una lunga giornata, oggi.

Lo è stata per tutto il popolo egiziano, che non ha ceduto alla stanchezza o alla rassegnazione, dopo aver ascoltato il discorso di Mubarak di ieri sera, che aveva deluso e fatto arrabbiare tutte le persone che erano in piazza Tahrir.

E’ stato bellissimo vedere – senza poter ascoltare, senza essere là, certo – l’immensa folla che è tornata a riempire la piazza, vedere persone convinte di fare la Storia.

Come tanti, ho seguito questi avvenimenti grazie a internet, soprattutto grazie a Twitter (e al gran lavoro di Marina Petrillo, alias @alaskaRP, che ha retwittato e tradotto le voci dal Cairo). E quando è arrivato l’annuncio delle dimissioni di Mubarak, il popolo ha capito che aveva vinto e si è abbandonato alla gioia. Le persone hanno capito che erano tornate a esser padrone del proprio futuro. Con tutte le incognite – e non sono per nulla poche – di questo momento, ma assieme con la grande sensazione che il popolo, quando è unito e compatto nelle proprie richieste, non può essere fermato né vinto.

Ho pensato che Gandhi, oggi, sarebbe felice. Festeggerebbe con gli Egiziani. Che hanno dato al mondo una lezione, mostrando la grande forza della nonviolenza.

Ci sono tre tipi di persone: quelli che guardano accadere le cose, quelli che si stupiscono di ciò che accade e quelli che fanno accadere le cose.
Poeta estinto del Fadalto

Abbiamo il compito di tradurre le negatività del passato in speranza per il nostro futuro.
Nelson Mandela

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...